Le banche superano il venture capital

venture_capitalLe banche hanno superato il venture capital nel sostegno finanziario all’innovazione e alle startup. In 5 mesi dall’istituzione del fondo di garanzia hanno prestato 128 milioni di euro a nuove imprese hi-tech superando gli investimenti in capitale di Venture capital e Business Angel.

Solo pochi anni fa Blackshape, azienda aeronautica di Monopoli (Bari), startup milionaria che esporta in tutto il mondo, trovava solo porte chiuse. Per UP – Underground Power, invece, una delle imprese clean-tech più interessanti d’Italia, con i suoi dispositivi stradali che catturano e sfruttano l’energia dissipata dalle automobili le cose sono andate diversamente. Andrea Pirisi, ceo, e Alessandro Beretta, chief financial officer, hanno raccolto un milione di euro di finanziamento da parte di Unicredit, il più alto concesso a una startup innovativa.

La situazione è cambiata grazie al Fondo di garanzia del Ministero dello sviluppo economico, che esiste dal 2000 per le Pmi, ma che dall’estate 2013 è stato esteso anche alle startup iscritte al registro delle imprese innovative.

Le start up innovative scelgono una seconda via per crescere. Davanti alla carenza in Italia di fondi e di investitori disposti a rischiare entrando nel loro capitale, acheter viagra queste giovani aziende hanno deciso di indebitarsi, ricorrendo al prestito bancario, https://www.acheterviagrafr24.com/achat-viagra-en-ligne-sans-ordonnance/ oggi più facile da ottenere grazie al fondo di garanzia del ministero dello Sviluppo economico. In soli cinque mesi – dallo scorso settembre, quando tutto è partito, fino a https://www.acheterviagrafr24.com/achat-viagra-cialis-levitra/ gennaio – le start up hanno ricevuto 128 milioni di euro da restituire agli istituti di credito. Superando di gran lunga, i 110 milioni di https://www.acheterviagrafr24.com/achat-viagra-en-ligne-en-france/ investimenti ricevuti da business Angel e investitori istituzionali (tra cui i fondi di venture capital, anche di banche) in cambio di quote di capitale.

Proprio Unicredit non solo sta finanziando startup, come nel caso di Underground Power, ma sta anche investendo in modo diretto nel capitale delle startup, come nel caso di Qurami: l’annuncio di altri due ingressi nel capitale di startup è imminente, e l’intenzione è di fare almeno dieci operazioni l’anno.

(Fonte repubblica.it – EconomyUp)



Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego. Piu' Info | Accetto